loader image
Progetto-senza-titolo-1-e1706785618974

5 strategie per ottimizzare gli spazi in un appartamento su due piani

Suddividere le zone

Per prima cosa, è importante suddividere la zona giorno, generalmente al piano inferiore, e la zona notte, che troveremo invece al piano superiore. Questo permette di stabilire un’organizzazione funzionale degli oggetti ma anche delle attività: durante il giorno, si trascorre la maggior parte del tempo al piano di sotto, senza bisogno di fare le scale, mentre la sera e la mattina al risveglio sarà possibile compiere tutte le proprie attività di preparazione al piano di sopra. Sempre parlando di suddivisione degli ambienti, è conveniente sistemare il soggiorno in prossimità dell’ingresso e la cucina adiacente agli spazi esterni (il terrazzo o il giardino), per facilitare l’accesso e la vivibilità degli ambienti

Creare ambienti multifunzionali

Negli appartamenti su due piani, l’ottimizzazione degli spazi spesso richiede la creazione di zone multifunzionali, ovvero delle aree versatili che possano adattarsi alle varie attività quotidiane. Per farlo, si rivelano molto utili i mobili trasformabili o quelli a scomparsa, che integrano appunto due funzioni in un unico oggetto: i tavolini trasformabili e le consolle allungabili, per esempio, sono perfette per questo scopo. Potresti sfruttare questi elementi di arredo per creare un angolo ufficio, una zona lettura o una sala da pranzo da allestire solo quando hai ospiti. Un’ottima idea è anche quella di sfruttare il sottoscala per posizionare dei mobili o creare uno spazio di archiviazione extra (per esempio con una libreria o un armadio su misura).

Sfruttare gli spazi verticali

Quella di sfruttare al massimo le pareti della casa è sempre una buona idea, ma è assolutamente indispensabile quando i metri quadrati non sono molti. Le pareti possono diventare infatti preziosi alleati grazie all’utilizzo di scaffalature, mensole e ripiani dove posizionare libri, oggetti decorativi e altro senza occupare spazio a terra. Se l’appartamento lo consente, potresti anche creare delle soluzioni che in qualche modo uniscono il piano inferiore a quello superiore, per esempio sfruttando la parete delle scale oppure i muri in comune, liberi sia al piano inferiore che a quello superiore.

Organizzare gli spazi di archiviazione

Questo punto si rivela particolarmente importante per la gestione ottimale delle attività quotidiane. Doversi spostare continuamente da sotto a sopra e viceversa, infatti, può diventare faticoso e complicato. Per questo motivo, è fondamentale organizzare armadi, ripostiglio e altri spazi di archiviazione in modo efficiente e ordinato, tenendo possibilmente tutto ciò che serve alle attività giornaliere al piano di sotto (per esempio scorte alimentari, oggetti per la cucina, prodotti per la pulizia, scarpe ecc.). Al piano di sopra, invece, meglio sistemare biancheria da letto, da bagno, oltre agli oggetti più personali.

Unire più stanze in una

Questo potrebbe risultare non troppo semplice, soprattutto se non è possibile cambiare la struttura architettonica della casa. Tuttavia, in alcuni casi risulta molto efficace unire più di una stanza, risparmiando così spazio prezioso: per esempio, in bagno potete creare una zona lavanderia, oppure in camera da letto ricavare una piccola cabina armadio. E ovviamente la soluzione open space, con cucina e soggiorno riuniti in un unico ambiente, rappresenta la migliore opzione possibile sia in termini di ottimizzazione degli spazi che in termini di vivibilità. Ottimizzare gli spazi in un appartamento su due piani è ancora più importante rispetto a farlo in un appartamento su un unico piano. Con un po’ di creatività e attraverso un’accurata pianificazione e la scelta di arredi efficienti, sarà comunque possibile creare un ambiente accogliente e funzionale